Pubblicata il 26/09/2016
Inizio autunno. L'aria ha un odore nuovo,
dolce e pastoso.
Un cadido latte ricopre il cielo e tutto risplende.
Vedo la torre in lontananza sempre più alta.
Dietro di me splende un mondo dorato,
ma io resto sulla soglia e gli volto le spalle.

Il mio sguardo è solo per lui;
davanti a me c'è un mondo azzurro
profondamente freddo,
mi chiama ed io non so resistere.

Il corvo che indeciso sparisce nell'ombra
perderà ogni parola?

Sento un ti amo come un eco;
non è che non credo sia reale
è che non voglio che lo sia.
Ma lo sento e già so: sta per piovere.

.A.G.
  • Attualmente 1/5 meriti.
1,0/5 meriti (1 voti)

Oh grazie cara Bianca per le sentite parole, ti abbraccio tanto

il 26/09/2016 alle 23:38

Che venga l'inverno, presto. Un caro abbraccio Ric ;), andrea.

il 27/09/2016 alle 22:05

Allariss (bel nome) ma il mondo freddo dell'autunno è diverso da quello estivo, così come da quello dell'inverno e da quello della primavera. Ma io sono sempre inseguito da me stesso, per tanto guardarmi indietro è sempre un mood per salutarmi; )...ciao e grazie.

il 27/09/2016 alle 22:07

affascinata dalla bellezza e dalla intensità dei tuoi versi sempre introspettivi e pieni dell'ansia di vivere. Salutare te stesso...acc. quanto è bello ciò che hai detto in un commento Andrea, io intanto guardo verso le tue parti e agito la mia mano amica in segno di saluto. Un abbraccio forte Andrea.

il 28/09/2016 alle 07:19

Ciao Anna :) vedo la tua mano, la mia è tesa ad un invito. Grazie sono contento ti piaccia :) un abbraccio grande, Andrea

il 30/09/2016 alle 20:39