Pubblicata il 27/08/2016
Io grido alle stelle della notte
per non lasciare indietro i miei pensieri
e come un novello Don Chisciotte
mi avvio verso intrepidi sentieri

ma nella mente ho soltanto una signora
bella leggiadra d’una bellezza rara
col suo sorriso leggera lei mi sfiora
mentre un raggio della Luna la rischiara

d’improvviso due Stelle risplendon su nel cielo
che fanno luce dinanzi al mio cammino
dai miei occhi scompar quel velo nero
ed ora so qual è per certo il mio destino

quelle due Stelle che su nel ciel risplendono
sono gli occhi di quella splendida creatura
che luminosi in quel manier mi attendono
oh dèi con lei non sarà solo un’avventura

la notte avanza lenta e silenziosa
e accompagna i battiti del cuore
oh sì le braccia tendi ed armoniosa
tu vieni verso me con il tuo amore…

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

conseguentemente alla lettura di "Come sono ridicoli i poeti" . Di Jul.
  • Attualmente 3.8/5 meriti.
3,8/5 meriti (5 voti)
Jul

I poeti sono illusionisti, a volte anche buoni tiratori scelti. Buona serata Rom... Jul

il 27/08/2016 alle 19:38

Molto bella Rom una dedica straordinaria sei bravissimo ciao

il 28/08/2016 alle 11:36

Sempre a fare il romantico tu. Ciao Rom

il 28/08/2016 alle 19:49

Un’esplosione di puro romanticismo. Trionfano la bontà d’animo, i sogni, l’amore e la speranza di un poeta di ottima estrazione classica. Versi curati in ogni particolare, da leggere con attenzione e da gustarea cuore aperto.

il 29/08/2016 alle 18:00

Oh qual inattesa dolcezza da te. Sorprendente Rom...antico ;)

il 31/08/2016 alle 16:54

Versi che rispecchiano il tuo animo,pensando soltanto una signora bella leggiadra d’una bellezza rara col suo sorriso leggera lei ti sfiora mentre un raggio della Luna la rischiara.... Apprezzata !

il 03/09/2016 alle 12:04

non è che con questa fai molto per incrinare quella tesi, eh

il 09/09/2016 alle 10:47