Pubblicata il 19/03/2016
Come un ladro sei venuto
di notte, trovandomi indifesa
ti sei messo a cercare
quelle mie rime trasudanti amore
ma ti sei perso nei miei sogni.
pago del mio silenzio, senza
ricevere un bacio, una carezza
felice solo di aver rubato
le mie poesie, lasciandomi
quel tuo fiore, che il tempo seccherà.
di fiori ne ho visti morire tanti
a scaldarli il mio cuore non bastava
non riesco più a sorridere al dolore
la mia nostalgia è quell’amore
lasciato in un paio di occhi scuri
molto tempo fa…
troverai le mie poesie dietro la porta
prendile loro ti parleranno di me
non hai bisogno di rubarle
sono il mio dono, per te!

mirella Narducci
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Troverai le mie poesie dietro la porta.. che verso strabiliantemene perfetto! Eccelso! Incantato!

il 20/03/2016 alle 09:51

Ogni giorno mi scopro un macigno e mi dimentico la mia fragilità...Il piacere di questi doni è soltanto mio....Grazie Sir Morris

il 20/03/2016 alle 10:52

Affascinanti versi, brava!

il 21/03/2016 alle 22:29

Sono lusingata per il complimento grazie....notte.

il 21/03/2016 alle 22:45