Pubblicata il 21/11/2015
Di notte i bastoni sono ciechi
e le pietre scommettono scarpe,
la luna assolve tutti
e arbitra paure

quattro zampe
ognuna per conto proprio
e qualcuna suona il vuoto

calamai a secco le ombre
ove code simulano penne
e scrivono fruscii
da sottolineare in rosso

abbaiare preludio a fuga
e scudo a sassi rotolati
a incauti annusi

il cielo una tenda
bucata da scintille
nell'attrito tra denti e occhi
e le lingue pezze zuccherate
tra uova alate

la battaglia è vinta
lo dicono i cappelli
d'orologi ubriachi
non riescono ad arrestare
irti capelli al ringhiare
e la notte nero velo seducente
-----------------------------------
da: Amori Scaduti Di Un Essere Qualunque
www.santhers.com
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Molto ben pensata e proposta.

il 21/11/2015 alle 13:38