Creo Anagrammi Musicali Unendo Suoni Inargentati

Creo Anagrammi Musicali Unendo Suoni Inargentati
5,0/5 meriti (3 voti), lettura, 12 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Giovedì, 29 di Ottobre del 2015

.....Carissimo Virgin, questa volta proprio non sono riuscito a capire il titolo....gli Anagrammi Musicali Creano, forse, Suoni Inargentati fortemente CAMUSI....in verità stento a vedere quelle....aulenti sinfonie.......con il naso schiacciato.....; scherzi a parte la lettura di questo testo è, come al solito, piacevole e alcuni passaggi, vedi proprio le aulenti sinfonie, sono sinceramente emozionanti....; un abbraccio, rom.

il 01/11/2015 alle 08:05

Sempre in prima linea assaporando il male e il bene come fossero unica essenza!

il 01/11/2015 alle 10:26

Camusi Camusi Camusi Camusi...ed è Musica ;-). Ciao caro Riccardo. Mi è mancato leggerti. Anna

il 01/11/2015 alle 13:28

Visioni surreali, giochi di parole ed anagrammi con il mio cognome che formano appunto la parola musica. Ovviamente inargentata vista la mia non più veneranda età ! Ringrazio e saluto Romeo, ciao. Riccardo

il 01/11/2015 alle 19:14

Già Sir Morris, il bene e il male, due facce della stessa medaglia che a volte si attraggono ed altre ancora si respingono. Grazie per la lettura e per il commento, a presto. Riccardo

il 01/11/2015 alle 19:19

Bentrovata cara Anna, piacere mio di risentirti dopo qualche di settimana di assenza. La stessa cosa vale anche per me. Un saluto affettuoso Poetessa, ciao ! Riccardo

il 01/11/2015 alle 19:26

bella davvero...un po complicata...da rileggere ancora...bella davvero....

il 06/11/2015 alle 09:06

Vagheggia e si dissolve la mente del poeta, scruta nei “segreti sentieri” dei suoi sentimenti; è irrequieto, confuso, incantato, nostalgico, afflitto; è in cerca di qualcosa che non sa neanche lui: è quel bravo poeta che conosco e che ammiro sempre di più ogni volta che lo leggo.

il 06/11/2015 alle 16:42

Grazie Carmen, ma forse non è poi così complicata, ciao. Riccardo

il 08/11/2015 alle 22:27

Sono i tuoi commento caro Ugo che mi incantano, hai espresso alla perfezione tutti i miei stati d'animo che ho cercato di esternare nelle mie righe, l'irrequietezza, la confusione, la nostalgia, la disillusione, l'afflizione e la passione. E veramente non so neanche io che cosa sto cercando, oppure lo so ma appare introvabile. Grazie tante per il "bravo poeta" e per l'intervento sempre irreprensibile e degno di nota. Un caro saluto Ugo. Riccardo

il 08/11/2015 alle 22:36

labirinto new age di emozioni contrastanti... complimenti. Luca Liberti

il 14/11/2015 alle 14:38

Grazie Luca, è proprio un dedalo di sensazioni antitetiche, un saluto. Riccardo

il 14/11/2015 alle 16:58
Dissolvo i frammenti di tramonti assassini
tra i reconditi anfratti d'un pacifico cosmo
al ludico incanto di vaneggiata lucentezza
che recinge e rincuora la percezione mia

vagheggio il candore della quiete superstite
d'immutabili stagioni di preveggenza muta
e l'aulente sinfonia d'intramontabili petunie
nei segreti sentieri d'un sentimento erosivo

rarefatte follie m'abbandonano confuso
tra neonati pensieri d'indolente vanità
e gli inconfessabili aneliti d'interludi irrequieti
m'incatenano avvinto in mosaici di tentazioni

stregato dal puro incedere d'un giorno perfetto
e dalla tenebrosa bellezza d'un pacato veleno
s'infiamma d'ardita speme la mia friabile notte
ed una trionfale nostalgia s'intreccia al mio dolore

e' un lido di musica inascoltata il mio cuore bambino
sommerso dai flutti tempestosi d'un mare straniato
dove nella battigia rovente d'un'estate perversa
rivivo Istanti Color Cobalto Al Riflesso Dell'Occulto
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)