Pubblicata il 10/10/2015
Sono sere di muri strisciati
di piantoni in vecchie vie;
desinenze allargate e nodi
di promesse.
“Dove siete? Ti aspetto.”
Riconosco l'espressione
di bambini abbottonati;
di quel motorino sordo
che ne ha caricati tre.

“Che facciamo? Sono
Sté.”
Non rispondono alla
curva, né all'attacco
di barriera.
“Richiamiamo.”
Risa e voci caricate
di soprusi e motti
sconci.
“Sono al Festival di
Troie e di Re”.
  • Attualmente 4.8/5 meriti.
4,8/5 meriti (5 voti)

Rinfusamente esplicito! Sir Morris

il 10/10/2015 alle 14:07