Pubblicata il 29/09/2015
Questa che ve racconto e' la storia de un resoconto,
de na vita un po' in salita, de no schiaffo a cinque dita,
de un affetto mai donato, de un tramonto scolorito, e de un sole un po' sbiadito,
questa che ve racconto è la storia de quarcuno,
e de un'anima affamata, e' na storia rivortata, n' ala lunga e mai spiegata....
ma sentite mo ve prego, cio' che ora io ve spiego.
so nato un giorno d'autunno, na mattina de pioggia
e piagnevo e piagnevo, quanto cazzo piagnevo
na balia ,che me tirò sopra er petto me racconta quarcuno che rischio' de fa un fatto
me poso' pe un istante dentro a un 'acqua bollente
“che dolore se sente” pensai io da natante dentro ar brodo cocente
e se tanto me da tanto, se sta vita è già na botta
nun se sgara dalla rotta... saro' un fijo de na mignotta.
l'avventura poi passo' e co lei quelle ferite.
me trovai a vive in mezzo a persone sconosciute
a parole mezze mute, a carezze mai venute
a parenti da strapazzo, a figure dentro a un mazzo a facciacce un po da cazzo
chiuso dentro a na stanzetta io guardavo le stagioni,
come i fori dei bottoni me sentivo sbudellato
me sentivo senza fiato, un bamboccio sfilacciato
mai compreso e mai cacato un rametto sderenato.
c'era mamma tanto brava che de mano era un po lesta
me portava a fa la spesa, ar mercato de borgata, tra uno straccio e na tirata
la seguivo piccoletto, tra sti banchi che v'ho detto.
quanno a vorte me incantavo a vedemme un giocherello, lei tirava sempre dritto
come er treno sur tragitto,
e se er fatto continuava je veniva già la bava,
me tirava co no strappo e zompavo come un tappo
poi però ,quarche cose ce scappava, no pe me ben inteso,
se quarcosa je piaceva nun arzava più la testa
e na vorta individuato er balocco più aggraziato, lo piava a caro prezzo
mentre a me nun me restava che attaccamme solo ar cazzo
ho capito da cresciuto che nun ero prevenuto
che da quanno ero venuto dritto ar monno e senza fiato
la questione della cotta, della nave co sta rotta era un fatto e no na botta,
ero un fijo de na mignotta.
co mi padre ce parlavo come parli a na parete
era er primo esperimento de borgata telepatica
se sedeva pe magnà ner silenzio dei noi tutti
una tavola imbandita de paure e de cospetti
na famija intorno a un piatto, un silenzio mai distratto
e nessuno s'azzardava a tirà fori un pensiero
c'era sempre un fiato muto, tutte bocche co l'imbuto
solo questo me ricordo in tant'anni de pranzate,
labbra chiuse e sigillate, mani ferme e mai arzate
si scappava na domanda quarche occhiata te linciava
si spezzavi l'equilibrio da quer piatto de verdura
nun ce stava piu' la cura, se chiudevano a clausura, innarzavano le mura.
i fratelli pure quelli, boni solo pe li calli
er più grosso me ricordo che giocava co l'azzardo
je piaceva fa er gradasso, degno erede de un prolasso
je piaceva de atteggiasse, de vantasse ad ogni azione
io l'ho sempre sentenziato come un povero cojone
na mandibola de grasso, un bidone dentro a un fosso
pure lui come quer padre, nun parlava co nessuno,
divideva i dividendi, nun te do e tu nun prendi
je piaceva accaparrasse tutto quello che po esse
no spione senza occhiello, na pisciata de bordello
a distanza de tant'anni mo se veste co li stracci
e se gira la borgata co na machina impicciata
nun disdegna mai però de godesse na magnata
magna magna cicciobello, te rimane de succhià solo a coccia der baccello
co sta gente so cresciuto, un intingolo de morchia, na sgommata de talenti
n'ammucchiata de dementi, boni manco pe i sementi
anzi forse un fiore c'è che po' esse bono all'uso
na piantina ormai estinta da cui estraggono na tinta
la buglossa ondulata, che de viola è un po' pittata
er semento de sta pianta c'ha un origgine accertata
lei se infiora con vigore se la tera è amalgamata con un chilo de cacata.

dedicato a tutti quei portatori sani di cabaret (o gabare' alla romana) di paste, nelle lunghe domeniche di pranzo in famiglia. Almeno loro ci hanno provato.
  • Attualmente 4.75/5 meriti.
4,8/5 meriti (4 voti)

Crescere nella malfamata periferia romana, in una desolante atmosfera di una famiglia come la tua, che descrivi comunque in maniera arguta e simpatica, è assai difficile. Se ne esce vivi a fatica, a volte si rimane impantanati per tutta la vita in situazioni più grandi di noi se non si è abbastanza forti. Io sono cresciuto a Centocelle negli anni 70, la mia famiglia non era come l'epiteto che attribuisci alla tua, ma il rione era pieno di trappole e di gente poco raccomandabile. Nonostante la mia ingenuità e la mia fragilità sono sopravvissuto pur essendo stato sempre il bersaglio preferito dei bulli del quartiere e della scuola. Paradossalmente i problemi sono venuti dopo, la "palestra della vita", ovvero l'infanzia e l'adolescenza a Centocelle mi sono servite in seguito. Comprendo appieno la tua amarezza avendo visto veramente numerose famije de m.... a suo tempo, famiglie disgraziate, e la prematura uscita di scena di molti componenti di queste. Un caro saluto Semantico. Riccardo

il 29/09/2015 alle 09:49

Tristemente bella ,un racconto di vita scritto magnificamente se pur in piccole tragedie ,speriamo che la vita ti dia qualcosa di piu'. Non sono di Roma ma mi sono abituato alle tue pastarelle come egregiamente dici tu la Domenica.Da noi al paese le pastarelle erano ancora piu' rare . Un affettuoso saluto

il 30/09/2015 alle 19:07

Immenso racconto da encomiare! 5 calamai

il 01/10/2015 alle 16:05

letta e riletta... mi sono calata nella cruda realtà del tuo vissuto e ho vissuto con te le tue esperienze......sai scrivere benissimo...... seguita su questa strada.......chissà che essa non sappia darti tutto quello di cui sei stato privato.......augurissimi di vero cuore.......Gabriela.

il 01/10/2015 alle 19:12

Di alto gradimento!

il 02/10/2015 alle 10:19

sei davvero bravo, ciao

il 18/02/2016 alle 14:17