Pubblicata il 16/07/2015
Dai la tua moneta
a quell'uomo un poco strano
che abita uno spazio a noi lontano
non ha Oggi e nemmeno Ieri
eccolo laggiù,
il pazzo dei desideri.

egli vive nel giorno di domani
dove il mondo ancora non esiste
ed ogni cosa può ancora divenire.

con occhi grandi e folli
di notte guarda il cielo
ed unendo le stelle ad una ad una
segue la strada
che lo conduce alla fortuna.

la gente passa e di lui ha paura
altre volte solo compassione
"Coma fa ad essere felice"
tuona severa
"Un vecchio e solo barbone?"

ma nel suo sguardo c'è la gioia
il sole, il mare e l'infinito
il respiro pieno della vita
di chi ogni sogno ha già esaudito.

È un sorriso che illumina la piazza
accecando e innervosendo
la vista buia e scialba
di chi ha scordato la bellezza
del tempo senza tempo.

e io mi chiedo
travolta dai passanti

"Quali sono i veri matti?"

li vedo correr senza meta
con le teste basse e stanche.
"Non son certo pazzi da legare"
mi rispondo
"Ma soltanto tristi matti d'allegrare"
  • Attualmente 4.27273/5 meriti.
4,3/5 meriti (11 voti)

Siamo tutti dei barboni arroganti! Noi siamo degli ipocriti senza barba! Sir Morris ti dice : Bravissima! Sir Morris

il 16/07/2015 alle 14:59

Bellissima.

il 17/07/2015 alle 03:01

Versi che fanno riflettere sull'egoismo della gente...mentre il mendicante ha un cuore puro. Apprezzata. Dora

il 25/07/2015 alle 13:03

Versi bellissimi, che colpiscono per l'arguta critica sociale e per le emozioni, che riesci a trasmettere. Bravissima! Ignazio

il 30/09/2015 alle 14:27

complimenti , molto intensa

il 30/11/2015 alle 22:49