Pubblicata il 30/06/2015
Giacciono muti
i flauti della giovinezza,
l'eco è impigliata tra i rami
del bosco primordiale,
seccato da indomabili venti,
che raccontano piccoli gesti quotidiani,
dolci memorie ormai perdute,
la luna attraversa il cielo
come un veliero
che ha smarrito la rotta.
i giardini esalano, nella notte,
funebri dolcezze.
nella solitudine dei secoli
il tempo è una lacrima di pietra
dal tenero cuore,
  • Attualmente 3.9/5 meriti.
3,9/5 meriti (10 voti)

....moma, i flauti della giovinezza per te suonano e suoneranno ad libitum......; un abbraccio, rom.

il 30/06/2015 alle 08:01

mi incanti sempre...peccato che scrivi meno e ci privi delle tue sensibili poesie marinella

il 30/06/2015 alle 10:19

caro rom grazie dell'attenzione, un abbraccio lilli

il 30/06/2015 alle 13:37

cara marinella grazie delle tue parole.un abbraccio lilli

il 30/06/2015 alle 13:37

ed infatti vola il tempo, sempre più in fretta, Fermarsl ad ascoltare'alito della vita che va e non ritorna indietroi lilli

il 30/06/2015 alle 13:39

Il tempo vola ma non porta via ne la giovinezza ne il passato, quello lo portiamo sempre con noi.. La vita quotidiana è quella da sfruttare senza perdere nulla e Il morale va rifatto in ottimismo. Un saluto Eclisse

il 30/06/2015 alle 23:27

I tuoi versi strepitosi cavalcano il tempo che mesto si inchina in ogni tuo riflessivo momento! Sir Morris

il 01/07/2015 alle 13:11

wow sir morris un abbraccio

il 01/07/2015 alle 14:04

Il tempo è un grande maestro. Peccato che uccida tutti i suoi allievi.(H.Berlioz) grazie dell'attenzione eclisse un saluto

il 01/07/2015 alle 14:08
Jul

E' interamente splendida cara Lilli ma la chiusa è strabiliante! Baci, Jul

il 03/07/2015 alle 19:57

molto ben scritta nitida, fluida alla chiusa (pur bella)preferisco i primi versi.

il 22/09/2015 alle 14:13

Bella dall'inizio alla fine. La trovo intensa . Insomma piaciuta. Fabio

il 12/10/2015 alle 01:17