Pubblicata il 28/03/2015


Ȯgge éje pe tutte jurnate de pace.
a fèste i kambane sònnene
è i krjature, annanz’è cchjìse,
semmuvèjene i kacchjetille
de vulive vèrz’u cile, kume
facìje u pòpele d’i ‘Bbréje
dind’u trjumbale ngrèsse tuje
a Jerusalèmme. Palòmme janghe
vèrz’u cile s’agavezèjene
rengurrènnese nd’a l’arje festóse.
‘A dumèneke d’i palme éje
jurnate de fèste. A Tè, Kriste,
ka sì venute nd’u nòme d’u Seggnòre,
sìje lude è gròrje. A Tè, ka sì
venute a purtà serenetà
dind’i kure è llustre p’allustrekà
ki ne nvéde; pace a ndò nge ne stà
è a nuje medèsme p’a ‘rrjalà
a l’avete sènza destenzjune
de jenìje è dde releggiune,
aveze grazzjune de lude è gròrje.
a Tè, ka te sì appresendate
kum’a nu rè kujéte, assettate
sóp’a nu ciucciarille pe ce dà
u sèmbje de kume arrapì u kóre
ò’ ammòre, a’ serenetà, a’ lustre
d’u spirde, tutt’u ammòre mìje
te vògghje kandà: «A tè, Kriste, rè
è Ssarvatóre, ka sì venute
dind’u nòme d’u Seggnòre, gròrje
è llude nd’u cchjù avete d’i cile!»

oggi è per tutti giorno di pace.
a festa suonano le campane
e i bimbi, sul sagrato delle chiese,
ondeggiano i ramoscelli
di ulivo verso il cielo, come
fece il popolo ebraico
nel tuo trionfale ingresso
a Gerusalemme. Colombe bianche
si alzano verso il cielo
rincorrendosi nell’aria festosa.
la domenica delle palme è
giorno di festa. A Te, Cristo,
che sei venuto nel nome del Signore,
sia lode e gloria. A Te, che sei
venuto a portare serenità
nei cuori e luce per illuminare
chi non vede; pace dove non ce n’è
e a noi stessi per regalarla
agli altri senza distinzione
di razza e di religione,
alzo preghiere di lode e gloria.
a Te, che ti sei presentato
come un re mite, seduto
su di un asinello per darci
l’esempio di come aprire il cuore
all’amore, alla serenità, alla luce
dello spirito, tutto il mio amore
voglio cantari: «A Te, Cristo, re
e Salvatore, che sei venuto
nel nome del Signore, gloria
e lode nel più alto dei cieli!»
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)