PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 04/03/2015
In un qualunque giorno
più oscuro della notte
più buia
fasciato da inutili carte
cominciai a respirarti
senza di te,
solo un movimento di pupilla
e il tuo profumo
invase il mio ippocampo
irrimediabilmente.
la porta di un armadio
si socchiuse.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Ciao! l'ippocampo è la parte del cervello deputata alla memoria autobiografica...quindi invadere l'ippocampo significa entrare nella mia memoria per sempre

il 30/03/2015 alle 01:14