Pubblicata il 16/02/2015
per fare un burattino
non serve un bel giardino
ma serve una foresta,
o almeno ciò che resta.
e poi mi sceglierei
un bell’albero
così, ad occhio,
per poi farne una scultura
e far nascere un Pinocchio.
non son come Geppetto,
che era un bell’ometto,
capace di scolpire
figure quasi vive.
io non sono quel “babbino”
che scolpì quel bel bambino;
Io non son abile assai
con scalpello e con bulino.
un pinocchio vorrei fare
da sfatare ogni racconto,
se Collodi mi consente
e Geppetto non mi è contro.
gli darei duecento mani
fatte di rametti rosa
per sfrattare la pigrizia
e carezze desse a iosa.
gli farei un bel nasino
che non si allungasse mai,
e una testa che pensasse
con il suo stesso intelletto
e fiutasse gli imbroglioni
e ascoltasse “quel” grilletto.

Per fare un burattino
non serve un bel giardino,
ma a me, che sono pittrice,
solo un foglio immacolato
e una solida matita,
per narrare di Pinocchio
la sua avventurosa Vita.

*
anna Marinelli per un opera di Mariarosa Chiarello
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

Molto bella! Brava! Sir Morris

il 16/02/2015 alle 21:28

Divertente con qualche morale finale o no?

il 16/02/2015 alle 21:46

Caruccia veramente. Brava

il 17/02/2015 alle 08:48

Bellissima nel divertire clap clap clap clap applauso ,un saluto

il 17/02/2015 alle 18:06

Intrecci, rima,soggetto, tutto una vera eccellenza.

il 22/02/2015 alle 14:31

Macchiaiola della poesia , brava sirinot

il 28/02/2015 alle 20:21

che complimento...grazie!!!

il 28/02/2015 alle 20:28