Utente eliminato
Pubblicata il 22/09/2001
Le zolle tra le scapole.
Tendo l'occhio.
E l'orecchio.
Che fragore.
Fan le nubi.
Lievi le guerre lavano.
E i campi.
Dall'orgoglio.
Di stare soli.
Mentre loro vanno via.
Lasciandomi trepidante.
Alla sconfitta.
Delle solite domande.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

poesia di alberto

il 23/09/2001 alle 11:46