Pubblicata il 03/10/2014
Questo mucchio di stracci
lordi e polverosi,
un tempo un'unità animata,
abbattuto da una tempesta
di grandine impietosa,
sorpreso in camporella,
allo scoperto,
con una signora vestita di nero.
Sloggi calati al livello
di un pube verdastro
ed un ghigno vuoto
tra la corolla di denti
serrati a notte.
Ne abbiamo ricoperti quarantotto
in un solo giorno,
tra urla, bestemmie
e rigagnoli di arak
appiccicati sulle rade barbe
di leoni adolescenti.
Ma ne ricrescono altrettanti
in nugoli prepotenti,
come locuste toniche
su questa landa assolata.

(Battle for Kobane, 19/9/2014)
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

Molto bene

il 03/10/2014 alle 14:36