Pubblicata il 22/09/2014
I sogni si rincorrono
nel pozzo dei desideri,
un occhio nero che non dorme,
che ingoia luce e stelle.

incantami con occhi bugiardi,
ti crederò volgendomi le spalle,
desiderio in me d'amarti colpevole.

tra i rami s'adagia un aquilone,
volava superbo come coda l'amore,
ora si ferisce e s'agita maldestro
preda dei miei richiami a quietarsi.

regalami l'intuito della speranza,
ti aspetterò ad ogni ansa di pensiero,
stranezza in me d'amarti insensibile.

ti cederei poi libera,di nuovo peso.
  • Attualmente 2.6/5 meriti.
2,6/5 meriti (5 voti)

Seduce con destrezza e discernimento! Bravo, Decio.. complimenti! Sir

il 22/09/2014 alle 23:55

Ecco chi, aspettando “ad ogni ansa di pensiero”, si accontenta anche di bugie! Molto simpatica.

il 23/09/2014 alle 14:54

Bel capolavoro capo ,un saluto

il 23/09/2014 alle 18:28

una donna che assume molteplici forme e caoacità...il tuo aspettare anche potendoti illudere solo per istante d'amore, di piacere...bella nella sua capacità di catturare chi legge, la fantasia di chi si emoziona...bravo decio, ciao, andrea

il 24/09/2014 alle 17:03

Delicatezza d'animo e grande esperienza personale. Sapessi...in fondo a te stesso già lo sai...Un saluto Fabio.

il 29/09/2014 alle 23:22

Caro Decio i sogni sono come gli aquiloni..., volano superbi come l'amore e l'animo non trova pace. L'ultima terzine è molto delicata, speranza...e pronto ad aspettare ad ogni ansa di pensiero... Auguri. Buon pomeriggio.

il 30/09/2014 alle 14:55