Utente eliminato
Pubblicata il 21/09/2001
Corpi putrefatti,
sconfitti giacete nel triste sepolcro del pianto,
immobili e indifferenti subìte i feroci morsi del tempo,
silenziosi osservate la fetida carne, imperfetta ed asciutta,
trasformarsi in melma popolata da vermi, sgretolarsi in cenere.
Questo il prezzo della tanto evocata Quiete;
Perfetta quiete irraggiungibile altrimenti.
Eterno riposo di forti guerrieri, deboli al tempo.
Felice epilogo di orrida vita
ove solo polvere luccica, ove niente è verità.

"Nessun rimorso attanaglia i nostri corpi,
destinati da sempre a te, Tomba,
se non quello di averti conosciuta ed apprezzata tardi,
tacita e tenebrosa dimora delle nostre Paure".

-Trascinami, Tomba, nel tuo Vortice muto. -
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)