Pubblicata il 01/07/2014
(riproposizione)

oh giorni oscuri di quando da ragazzi
ci si guardava attorno cercando di capire
ma si finiva ridendo sol dei nostri lazzi
lasciando il dopo a declinare il costruire

poi son venuti i giorni dell’amore
quando pensavamo di sapere tutto

ma quanta delusione in fondo al cuore
e si finiva di restare a becco asciutto

un giorno di quelli da cui meno t’aspetti
mentre nell’ anima ti trascini una gran pena
nella mente da lontan un verso di Ungaretti
scalpitando irrompe forte sulla scena

“Foglie, sorelle foglie,vi ascolto nel lamento”
assorto e pensieroso con gli occhi guardo intorno
nel silenzio della mente rimango molto attento
d’un tratto avanti a me è l’alba di un bel giorno

così la vita umana spesso noi sciupiamo
perché non ascoltiamo la musica del vento
come siam ciechi quando non vediamo
quanto siam goffi al primo appuntamento

il canto di una donna felice del suo amore
fa capire a tutti quanto la vita vale
viva la musica che scuote dal torpore
noi siam con te Atena il nostro orgoglio sale…….
...............................................................

(Questo Canto è stato composto, a suo tempo, in onore di un’ amica poetessa il cui pseudonimo è Atena come si evince dall’ ultimo verso. Comunque grazie per l’ eventuale rilettura o, per i più giovani, nel senso di iscritti, lettura……).
  • Attualmente 3.14286/5 meriti.
3,1/5 meriti (7 voti)

Ciao Romeo, non avevo letto la prima versione ma questa mi piace molto. Riuscissimo sempre ad ascoltare la musica del vento, ma spesso c'è troppo rumore intorno. Un salutone Sira

il 01/07/2014 alle 23:58

Ti rimando al commento che ti feci a suo tempo aggiungendo che a volte il canto del vento si interrompe e le foglie, senza più il direttore d'orchestra, si posano dolcemente nell'oblio.patty

il 02/07/2014 alle 07:32

.....Meno male che si posano....dolcemente..., almeno; un abbraccio, rom.

il 02/07/2014 alle 09:11

bella,molto umana verità

il 02/07/2014 alle 13:58

uno scorcio di vita e musicalita' con foglie danzanti ,clap clap clap e saluto

il 02/07/2014 alle 18:03

pure io non l'avevo letta carp romeo, mi era proprio sfuggita...una dedica bella, il tempo cristallizza quello che è stato, il presente tende sempre a dimenticarlo...magari il futuro saprà ricucire il filo e del lamento fare un gaio canto, un abbraccio, ciao, andrea

il 02/07/2014 alle 18:48

in pochi versi lo svolgersi della vita...dalla superficialita' della giovinezza, alla consapevolezza della maturita' che quasi sempre porta rimpianti.come sempre bella marinella

il 03/07/2014 alle 07:33

Un rapido interessante flash sulla vita così come la viviamo e bellissimo il richiamo ai versi di Ungaretti.

il 04/07/2014 alle 18:42