Pubblicata il 19/03/2014
Tutti mi compativano
ero per loro un povero diavolo
inconsapevole cornuto
in realtà sapevo tutto
e recitavo la parte dell’ignaro,
non volli lasciare mia moglie ricca
che mi permetteva vita agiata

ora qui giaccio con un rimpianto
avrei dovuto almeno ringraziare
se non proprio ricompensare i suoi amanti
che la distraevano dal controllarmi
mentre io estasiato di beatitudine
con una donna più giovane di lei
di vent’anni, bella come un fiore
che spunta da una roccia
dalla quale sembra non poter
attecchire nessuna vita
e posto così in alto che nessuno può cogliere
e io delirante botanico,unico fortunato
calato dal cielo a contemplarlo

cornificai oltre alla consorte
metaforicamente tutte le certezze
di quelli che entrarono nelle mia vita
con la presunzione di leggerla
e farne esempio della propria da evitare
furbescamente sul mio esempio
..............amen............
---------------------------------
da:Soste Precarie
www.santhers.com
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)