PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 29/12/2013
il giorno va
sopra i tetti
i sussurri della notte
in pianti.
piatti vuoti
anime fredde.
una luna invisibile
porta malinconia.
il mare del futuro
è senza sponde
trascina senza più un approdo.
scomparirà la vostra traccia
la bella gioventù oramai vecchia
in preda alla follia del suo destino
con desideri trasformati
in salmi di lotterie
dalle barbe folte.
i giorni non sono mai uguali
solo le notti abbracciate nel tormento.
vi lascerò in eredità poco
una pietra
un elmo
altro non posso..
  • Attualmente 3.6/5 meriti.
3,6/5 meriti (5 voti)

per ora non ci devi lasciare nulla ,ma continua a scrivere cosi' leggiamo,un salutone e un anno migliore

il 29/12/2013 alle 23:22

profondo testo importante, brava ninetta, ti abbraccio

il 30/12/2013 alle 07:48

Ti lascio un abbraccio!

il 30/12/2013 alle 09:30

Stando ad Eraclito non possiamo percorrere due volte lo stesso fiume. Nel corso del tempo, sosteneva il filosofo, un'opportunità persa è persa per sempre. ” nella nostra società i giovani vivono una situazione di disagio che li segnerà per sempre, vivono senza poter programmare un futuro, non hanno lavoro, alcuni iniziano a lavorare a cinquantanni..una parte di vita va perduta....invecchiano sena aver vissuto a pieno la giovinezza, intesa nella maniera più completa.Un abbraccio a gaudenzio, gpaolocci e s,morris..

il 30/12/2013 alle 10:09

Cara Ninetta, era mia intenzione accendere tutti i calamai per sottolineare il massimo gradimento, ma mi è sfuggito il mouse... Hai scritto un testo oltre che bellissimo, profondo e condivisibile. Tra l'altro non è facile trattare temi sociali ostici e trasformarli in poesia. Hai tutta la mia ammirazione. Un abbraccio,patty

il 30/12/2013 alle 12:07

grazie Patty, Buon Anno!

il 30/12/2013 alle 15:54

Carissimo Fabio, i tempi non sono positivi per i nostri figli...sarà dura..Grazie Fabio, ti auguro un Anno sereno e in salute, circondato dagli affetti più cari.

il 31/12/2013 alle 00:30

come a dire che questo è il futuro che abbiamo preparato alla nuova generazione: discordia e guerra. Perchè se è vero che siamo solo pedine nello scacchiere del mondo, è anche vero che il mea culpa dobbiamo farlo tutti noi adulti........abbiamo eletto a re, regina, torri e alfieri le persone sbagliate, dalla vista corta e dalle mani lunghe, disinteressandoci del destino del mondo, vivendo in un eterno carnevale, e delegando ogni responsabilità...e ritrovandoci ora prigionieri di un sistema che non muta, non muterà.....e le spese, purtroppo, le fanno e faranno i giovani, i nostri figli, per i quali avevamo immaginato un futuro grandioso o almeno ricco di possibilità.....crescendoli come tanti piccoli principi di un regno che abbiamo contribuito a distruggere con la nostra negligenza. Bè, ninetta.......è così avvilente tutto questo! ...ma piangersi addosso non serve a nulla....rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo di salvare il salvabile. Glielo dobbiamo! la poesia è bellissima.....mi mancavano i tuoi versi profondi e emozionanti. ti abbraccio forte e ti auguro Buon Anno.... eos

il 01/01/2014 alle 20:25