Pubblicata il 21/11/2013
Non una voce.
e' un equilibrio nuovo
sulla via che segna il ponte,
una tensione delle braccia
ad esaudire il bisogno
che rinnova la colpa.
non un bisticcio.
di parole o gesti
misurati ma forti
sull'arco che s'affaccia
al tuffo di una vita.
non un risucchio.
di foglie colorate
tra uno stecco e l'altro
nel vortice delle parole
miste ad un saluto.
non il sollievo.
l'amore innaturale
si volge al buio
e fa spazio singolare
a un bene da recupero,
la somma dei baci
che danno zero.
non una sortita.
del nemico paziente
infangato di noia
nel frastuono del ricordo.
e' un equilibrio nuovo,
disseminato di aculei
nell'attesa di tenere foglie.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

Intriganti intersecazioni possibilistiche! Ciao, amico Decio! Morris

il 21/11/2013 alle 15:05

con questa caro Decio sono in difficolta nell'interpreterla ,un salutone

il 21/11/2013 alle 18:46

mi da la sensazione di un qualcosa che volge al termine , anche se non lo si vuole , senza speranza. nel contempo come si desiderasse un rinnovo , non necessariamente cercato altrove. un po complicata , poi del resto ognuno vede cio' che vuole. pupetta.

il 26/11/2013 alle 17:22