Pubblicata il 21/10/2013
Fermami, te ne prego
ferma tu il mio desiderio
tu che lo conosci fino alla fine
che mi incontrasti sul prato
e poi sul fino tamburo del destino,
possa io rimanere freddo
davanti al tuo seno
ed alla tua pelle risultare estraneo.
ammutolisci la mia mano,
diserta l’occhio mio vorace
nascondi la linea del tuo viso castano
nega il mio corpo che ora giace
perditi il senno e la memoria.
lasciami, lasciami, lasciami
che senza di te ho un po’ di pace
nascondi la grazia della tua voce
che mi par di sentir nel vespro
ritirarsi al nido,
lungo la viuzza del tuo
odoroso mattino.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

Aiutami ad amare! Aiutami a non amare! Bella!

il 21/10/2013 alle 12:08

Poesia onirica!

il 21/10/2013 alle 12:08

rimango stupito per come uno scritto così meraviglioso sia rimasto un poco da parte...comunque bravo...complimenti, sentimento e passione...finezza poetica...ciao, andrea.

il 23/10/2013 alle 00:57