Pubblicata il 24/09/2013
I passi giacciono rumorosi,
non si scrollano della strada.
azzardano un fremito d’euforia,
inseguono gli sguardi alti.
non c’è spazio per i ricordi
e le persiane restano scrostate,
il sorriso di cielo della piazza,
i necrologi pesanti sanpietrini
s’azzuffano amari e volitivi.
c’è una lama insolente di lago
che trascina in basso,
indosso Armani nella vetrina
e l’odore di cibo è impaziente.
di lei annuso la scia dei capelli,
un monile pesante sul suo seno
che sobbalza e cerca aria,
e lo sguardo cieco vaga
sui portoni, un sorriso triste
sulla curva delle labbra
che incollerei alle mie.
i passi sono occhi dormienti,
sobbalzano tra i vuoti androni,
non c’è spazio per i ricordi
e le persiane restano murate.
  • Attualmente 2.8/5 meriti.
2,8/5 meriti (5 voti)

Ossessiva seduzione proiettabile!

il 24/09/2013 alle 13:55

Hai dipinto la scena che emana il profumo di quei capelli e la tua espressione un poco malinconica. Ottima, come sempre...Ciao,patty

il 24/09/2013 alle 14:30

bella se pur malinconica, salutone

il 24/09/2013 alle 18:19

offri sensazioni e descrizioni molto belle marinella

il 24/09/2013 alle 19:12

Un testo descrittivo dove non manca la malinconia e il desiderio di voler baciare ancora le sue labbra...

il 24/09/2013 alle 21:19

Che bella lettura! Mi è piaciuta tanto!

il 25/09/2013 alle 09:49