Pubblicata il 02/09/2013
orione
d’oro la pioggia dai lombi divini
sulla pelle del toro immolato
dal devoto e misero Iseo
nell’orto poi ripiegata e sepolta
e nacque dal grembo della terra
il bambino promesso.

splendido e forte cacciatore
le nubi corona al suo capo
mentre dalla montagna
veniva in pianura.
fatale, l’amore lo perse
benché figlio di Dei .

compagno di caccia di Diana
suscitò le ire di Apollo
che tese loro il tranello crudele.
la freccia scoccata credendolo preda
spense per sempre l’azzurro degli occhi.
venne a riva il corpo di Orione
come marmo venato di rosso
trafitto alla tempia dal dardo d’argento
Pianse affranta la Dea
mentre Sirio, cane fedele, ululava alle onde.

mosso a pietà da tanto dolore
giove lo pose su in cielo
dove continua la caccia
nei campi fioriti di stelle
armato di corazza e spada d’oro
e in compagnia di Sirio fedele

e Diana, al calar della sera,
quando malinconica e sola ritorna
leva gli occhi al firmamento incendiato
e guarda amorosa il suo bel cacciatore
che le sorride accentuando il bagliore
e alleviandole così la pena del cuore.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (6 voti)

teneramente e dolcemente mitologica meriti un applauso clap clap clap il tempo a tua scelta un salutone

il 02/09/2013 alle 18:19

La mitologia come normalità! Grande!

il 02/09/2013 alle 21:04

Tu sei come Diana, ti apposti, aspetti silente e all' improvviso scocchi il dardo della poesia che inevitabilmente colpisce al cuore. BRAVISSIMA! Baci,patty

il 03/09/2013 alle 08:11

Cinque calamai tutti pienissimi e ce ne fossero stati 100 ne avrei postati 110! Adoro la mitologia greca!!!

il 21/09/2013 alle 11:20

grazie di cuore a tutti, scusate il ritardo e che non rispondo singolarmente. vi abbraccio tutti eos

il 25/09/2013 alle 11:46

Io ti chiedo scusa Eos per il ritardo, sono affascinata dal tuo scritto, complimentissimi. Marygiò

il 25/09/2013 alle 12:35

Poiché di mitologia sono scarso anche se mi ha sempre affascinato, attratto dalla tua bella poesia, devo assolutamente cercare la storia. Tanto più che proprio ieri sera, cielo stellato, ho visto la costellazione. Mi ha sempre attratto la gigante rossa Betelgeuse, Rigel e la cintura... Ora, ogni volta che la guarderò penserò a te. Anche se in ritardo Buon Anno cara Amica.

il 10/01/2019 alle 13:06