Pubblicata il 01/09/2013
Acquietati,
lucente luna!
pur se furtivo guatar mi vedi
il suo sguardo,
sappi che non è malevolo
il mio agire.

cerco nell’algide pupille
il segno d’un palpito segreto,
il bagliore d’una celata cura
che riaccenda la speranza
che sopita abita l’antro
più recondito del mio essere.

un’urgente preghiera
mi sale dalle viscere:
ch’alfin si muova,
nell’accenno d’un sorriso,
l’angolo remoto delle sue labbra
e sciolga in lacrime dolci
la banchisa
ch’or fredda il mio cuore.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

Ma sei bravissimo! Complimenti sinceri,patty

il 01/09/2013 alle 08:42
Jul

Bella : la chiusa con la banchisa è splendida! Ciao

il 01/09/2013 alle 10:34

ottimamente bella

il 01/09/2013 alle 11:12

molto intensa e capace di emozionare marinella

il 01/09/2013 alle 13:14

ahò...allora stai a preparà i bigliettini per gli inwiti a quanto wedo.

il 01/09/2013 alle 14:58

Credo che i versi belli di questa tua poesia, hanno... acquietato, la lucente luna. Un saluto eclisse.

il 01/09/2013 alle 16:36