Pubblicata il 12/05/2013
Senonché
abituato alle tue cortesie,
mi permisi di pensare
che mi potevo permettere
di prolungare il tuo desio
lungo una valle alberata
di frutti e profumi e visioni
senza ripetizioni.
speziate pietanze di
varianze stagionali,
primaverili adolescenti protuberanze
marsupiali condimenti
unite alla forma della vita
trasparente dietro la tela
che cresceva dentro te.
l'amore di luglio
della calda fertile terra
pronta alle scosse
della pioggia autunnale.
operoso contadino
nel ritrovare il solco
del divenire sostanza
dell'accoppiare
seme e materia e vento
che miscela la vita
e favorisce l'incontro.
notte d'inverno
che conserva l'incanto
che nasconde l'intento
che racconta del santo
modesto umile racconto.
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)

bellissima e scorrevole, unsaluto accessoriato da una splendente domenica

il 30/06/2013 alle 12:06