Pubblicata il 22/03/2013
"Si spezzano le coppe
dell'alba.
Comincia il pianto
della chitarra."

ti cercai mio Poeta nei cimiteri fioriti di teschi
della tua terra Andalusa già raccoglievi
rose e gigli di maggio con una calma di unico colore
la tua "luna lunera" riflessa
d'argento nel mio stupore
e dunque giaci nella terra rossa del tuo sangue
( sangue del
mio dolore )
finché la stagione dorata non
ti riporta pesca vellutata frutto che non va a pezzi
ma regna nella natura indifeso atto di preghiera.
Nel tuo pianto ti raccolsi come narciso d'acqua
spuntato negli stagni dell'alba senza sole
sopra la neve delle Sierre alte dove volano colombe
scure
ti raccolsi
perché tu restassi fermo con passo indomito
nel cammino
( apparente
senza senso )
dove nelle nebbie a intervalli e a gradazioni di perla
si perse incorrotto il tuo sentiero.
ti sollevai
nella notte delle nove lune dove luce accecante
di lucciola ti dissolse
sul mio palmo di cera penetrando il mio sangue
per sempre
come spazio azzurro addormentato dentro
le mie ossa per sempre.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (6 voti)

che dire?eccellente marinella

il 22/03/2013 alle 16:18

si commentano certe banalità in questo sito ed un'opera come questa passa quasi inossservata! le parole. l'atmosfera, la sensibilitò che la tua poesia trasmette non fanno di sicuro rimpiangere quelle di Lorca chapeau lilli

il 23/03/2013 alle 09:22

Incantata... Complimenti vivissimi.patty

il 23/03/2013 alle 09:54

Un omaggio ad un poeta tra i miei preferiti, degno di lode e di plauso.

il 23/03/2013 alle 16:16

merci bien ma chère Marinella-India

il 24/03/2013 alle 22:00

Federico-Garcia, vedi? mi è così amato che lo considero qualcuno di presente e conosciuto, semplicemente Federico-Garcia, è lui che mi ha presa per mano e condotta nella fantastica e onirica dimensione conosciuta solo agli amanti della Poesia un abbraccio e un sorriso dolce Lilli

il 24/03/2013 alle 22:03

x Atena gentilissima...lieta di avere il modo di conoscerti a presto

il 24/03/2013 alle 22:04

x Deciomassimo difficile non essere attratti da atmosfere magiche come quelle lorchiane, bentrovato nel mio piccolo spazio

il 24/03/2013 alle 22:06