Pubblicata il 28/02/2013
Vedo le case
nude tra le colline
senz'indecenza.

la notte celia
in mormorio fine
dell'onda ferma

prendimi donna
estenuante lamento
di folle rabbia.

tra steli rudi
e canne ammaliate
chiazze lacustri.

spezzano raggi
d'un gran sole feroce
sull'acqua muta.
  • Attualmente 2.6/5 meriti.
2,6/5 meriti (5 voti)

Belli...stralci di vita, di mondo, di immaginazioni...anche negli haiku ti dimostri sempre con uno stile pregiato...ciao Decio, un caro saluto Andrea.

il 28/02/2013 alle 18:31

Uno stile impeccabile, ma che va oltre la costruzione dell' haiku, Bravissimo!!!

il 28/02/2013 alle 18:44

sono sempre belli gli haiku,i tuoi poi lo sono maggiormente marinella

il 01/03/2013 alle 09:23

Bei haiku Bravo

il 20/08/2013 alle 00:13