Pubblicata il 14/02/2013
Protetti in amore, ci piega la sfida del cuore.

Sono inconsistenti i richiami sapienti,
giacciono lungo le ombre del tuo corpo,
eludono le proteste,balzano gementi.

La scia solitaria disperde ricami di sole,
illude la speranza, non abbandona il piacere.

China sul riflesso del tuo volto, sei avara.
Troppo ardore ci lega,profana le promesse,
risponde ansioso con parole avventate.

Amor sollecita gli screzi, suscita invidie,
adorna le tue labbra di corallo, tremanti.

Tace ancora un po’ la litania dei secreti,
pensieri turbano e sacrificano i gesti,
carezze prolungate sono colori accesi.

E’ una richiesta d’amore che non sorprende.

Protetti nel silenzio, ci domina la sfida del cuore.
  • Attualmente 3.57143/5 meriti.
3,6/5 meriti (7 voti)

Evviva, allora, il tripudio dei sentimenti! Grazie, cara Rosa.

il 16/02/2013 alle 16:56

prima di tutto...come ha fatto a sfuggirmi questa? distratto me -_-... ora che ci sono...meravigliosa...magari non gradirai il paragone però devo dire che leggerla e rileggera mi fa, musicalmente, intensamente, soavemente lo stesso effetto di quando ascoltai la prima volta "E lucevan le stelle" dalla Tosca....incredibile...benchè i due brani siano di senso diverso li trovo accostabili proprio per contrasto e similarità di espressività nella fine...di tutto il testo mi piace tanto questo passaggio: ....Tace ancora un po’ la litania dei secreti,/pensieri turbano e sacrificano i gesti,/carezze prolungate sono colori accesi.... ciao Decio e perdona se l'avevo mancata...ciao ^^

il 01/03/2013 alle 19:13

Caro Amico, non so neppure io come mai mi sia sfuggita questa dolcissima perla.! Ti lascio le mie più sentite lodi. Buona giornata.patty

il 02/03/2013 alle 10:35

Patty sei una preziosa lettrice che apprezzo sempre, anche se reputo non sia necessario che si legga tutto di tutti. Ma la scelta è libera e ti sono grato. Felice pranzo.

il 02/03/2013 alle 11:44

Caro Andrea , mi imbarazza il tuo sincero entusiasmo, ma ti apprezzo per l'immeritato accostamento e ti sono grato di avere letto la mia poesia, anche se non è un obbligo. A volte, penso che tu non sia così giovane come dici d'essere per il bagaglio di conoscenze ed interessi che possiedi e manifesti. La maturità è un dono che ti riconosco. Un caro saluto.

il 02/03/2013 alle 11:49