Pubblicata il 06/02/2013
Porpora e cielo scorgo
all'avanzare della sera;
rossi silenzi sbiadenti
divorano lo sguardo,
lasciandomi.

Nuvole di luce
e pettirossi nel vento;
attimi veloci rapiti in segreto
prima del buio.

A.G.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

amico Gau, questa è vera poesia ma è sprecata in questo sito. mi complimento con te.

il 07/02/2013 alle 11:37

Amico\a mio\a: alcuni di voi hanno già letto le mie due di ieri 6 febbraio “Una barca che fa acqua da troppi buchi” e “Leggete tutti mi raccomando” sono esplicite denunce al malfunzionamento diPH. Ieri ho ricevuto una email da parte di PH che mi informa che ambedue sono state tolte ma pare che così non è avvenuto. Se siete d’accordo con me fate anche voi pressione perché la redazione capisca che conta di più il parere di noi scrittori sul meccanismo che il loro in quanto gestori. In fondo, chi tiene in piedi il sito? Solo noi poeti e scrittori. Quindi, venissero incontro alle nostre esigenze. Vi ringrazio tutti, Enio

il 07/02/2013 alle 11:37

è quel magico momento quando il giorno cede alla sera..... e talvolta, raramente a qualche fortunato riesce di vedere anche , per un attimo breve, il raggio verde..... i tuoi versi hanno catturato la magia lilli

il 07/02/2013 alle 17:48

grazie enio

il 08/02/2013 alle 14:39

io non l'ho mai visto, però mi consolano le ore blu... grzie del bel commento lilli ciao Andrea.

il 08/02/2013 alle 14:40

bella la tua poesia,ma in verita' non comprendo fino in fondo la rivolta per qs.sito...io qui leggo tante cose gradevoli,tra cui le tue poesie.marinella

il 08/02/2013 alle 16:17

Il lato malinconico del tuo essere si confonde tra le ombre della sera e fa emergere pensieri di rispetto. Forse, non mi è gradito il riferimento ai "pettirossi" che mal si accordano a questo incanto. Sine culpa. Vale. Decio

il 09/02/2013 alle 15:05

grazie cara marinella del tuo commento...pure io non sento di criticare il sito per ciò che ci permette di fare, però non si può restre ciechi a certe disagiatezze che il nuovo portale, o almeno la sua versione di prova ci lascia.... ciao e grazie ancora

il 10/02/2013 alle 00:09

Grazie mio caro amico. Ri guardo i pettirossi...idealmente vorreberò richiamare i colori del tramonto che svaniscono lasiando spazio alla sera...inoltre non sentivo di cambiare una scena che ho realmente vito il pomeriggio in cui ho scritto la poesia... spero che la spiegazione possa farti riconsiderare i poveri pettirossi... grazie della tua sincerità un caro saluto DEcio, Andrea^^

il 10/02/2013 alle 00:11