Pubblicata il 22/12/2012
mi accerchiano,
suoni orrendi,emettono,
le loro bocche deformi,
aperte in smorfie canine.

Sarà l'odore del sangue ad attirali,
a invaghirsi delle loro luride viscere,
mentre si tirano addietro,
per preparare la carica.

Socchiudo le palpebre,
e allo sguardo nascituro,
viene mostrato solo il sicario,
col mio volto,

e volano pallottole d'argento
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)