Pubblicata il 07/12/2012
Ogni sera, il prete passa paziente
e con la mano saluta la gente.
Benedice il grano, i fiori e il serpente.
Benedice il ramo e l’uccellino
sotto il cielo turchino,
poi benedice il corvo e il becchino.
Quel poveretto che
ogni giorno lavora
stretto dentro un murettino.

PASCOLI e QUIARA arrangiatrice
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

L'ultimo verso ha una rima forzata. Peccato, sarebbe piaciuta al Pascoli.
Ciao.

il 08/12/2012 alle 15:56

Hai ragione,
dovevo scrivere muretto

il 08/12/2012 alle 19:36

Bellissima...

come dice il famoso canto di natale

God Bless us everyone

Ciao quiara
ti abbraccio
Andrea.

il 08/12/2012 alle 21:55