Pubblicata il 05/10/2012
Ricordi?
Là, sulla scala della tua casa
mi sospirasti le più belle parole
le più dolci, le più vere.

Il cuore si fermò al cielo della nube immobile
estasiata dal raggio segreto
e l’udito si perse nel canto increspato dell’onda lontana
oltre il boschetto dei fruscii.

Ma, sulla scala della casa non ci sei,
d’estranei le parole che si odono ora
aspre e fredde, ignote.

Restano il cuore, il sospiro e l’udito al cielo
del tempo brutto d’oggi e del falco sperduto
solcante il vento dell’oscuro venire.

A.G.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

che bel senso e l'ultima strofa con il falco è super, rich.

il 05/10/2012 alle 18:41

L e parole che sanno d'amore rimangono sempre anche quelle dette su di una scala,a te sono rimaste
e credo che sono rimaste nanche a lei,quelle non si dimenticano mai.Nostalgia?B.notte Aldo.

il 05/10/2012 alle 23:26

Il cuore regisra ogni emozione
del cuore...Resta il sospiro e ll'udito
al cielo del bruttotempo
e de falco sperduto.
Bravo Aldo.
Dora

il 06/10/2012 alle 07:54

ti ringrazio...tra l'altro ora che ci penso è l'unica volta che quel falco l'ho visto volare dalle mie parti...
ciao anto,
ti saluto
Andrea.

il 06/10/2012 alle 21:51

Dell'amore qui trattato si, molta nostalgia....
grazie Aldo,
buona notte anche a te,
Andrea.

il 06/10/2012 alle 21:52

Aldo???
però se era per concordare con aldo, allora capito, concordo anch'io,
si il cuore ricorda tutto, il bello e il brutto
ciao dora
Andrea

il 06/10/2012 alle 21:54