Pubblicata il 24/07/2012
Sul tuo viso ci sono lacrime di luce
ma il vento le asciuga con gesto pietoso
fuggendo leggero rubandoti un bacio
dalle tremule labbra.
Cadono perle sul tuo collo …
son come la pelle di Venere,
sorte dalla spuma del mare.

La tua mano gioca nervosa
rapita non si sa dove,
forse in qualche segreto nascosto dal tempo,
come i tuoi occhi sfuggenti nella nebbia.
Ed è forse
nel tuo sguardo che non oso guardare
per non vedere quel triste animo
che oggi piove sull’arido prato.

A.G.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

grazie enio, felice che ti sia piaciuta,
A.

il 24/07/2012 alle 16:46

piaciuta....molto!!

il 28/07/2012 alle 08:29

grazie ne sono felice...
un saluto
A.

il 28/07/2012 alle 19:17

:)

il 30/07/2012 alle 10:59