Pubblicata il 10/07/2012
Volevi sapere il perché
del mio silenzio,
del mio fuggire le compagnie,
del mio vivere rigido e freddo.

A nulla servirono le mie parole tronche
tra sospiri e agitati sorrisi
per nascondere un sotteraneo dolore.
Incurante tacciavi la mia voce
convinto di un semplice stile introverso.

Ma il perché di tutto giaceva lì,
nel passato,
e non trovavo approdo per esprimerlo
in parole,
frasi che avrebbero ferito la mia lingua.

Così prendevi quei silenzi
per presuntuosi egoismi
ed io tornavo a dialoghi
con un mio sbiadito riflesso.

A.G.
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (3 voti)

....Continui ad esercitarti?

Comunque bella.

(Lucio Battisti)


rom.

il 10/07/2012 alle 21:06

i silenzi hanno molteplici significati... e solo le parole possono chiarirli...
Molto bella!
Ciao
Lowen

il 11/07/2012 alle 00:13

Con la successiva poesia Bydlo posso affermare che la sperimentazione è finita.
Ma perchè Lucio battisti???

Un saluto e grazie romeo
Andrea.

il 11/07/2012 alle 15:39

anche questo vero...
grazie Lowen
ciao
Andrea.

il 11/07/2012 alle 15:40