Pubblicata il 04/07/2012
Vecchiu sugnu
e nun pozzu cchiu canciari.
Mi tremunu i iammi
a vuci nan nesci
sugnu pigghiatu ri malanni.
Me rassignari, me stari mutu
è calari a testa comu o curnutu
ca cura ammenzu e iammi
e caminari... caminari...
Ma vuautri ca siti giuvini
nun pigghiati ri mia
nun vi rassignati,
nun vi inzignati a calari la testa
nun diciti sempri si
tinitila dditta a carina
megghiu mangiari pani e cucuzza
chi fetiri a robba e a dignità na chiazza.
Nun vi fidati di li l'amici bboni
chiddi chi venunu a l'ura chi cci cunveni
l'amici su boni si sempri su appressu a vui.
A testa mia è cunfunnuta
nun sacciu cchiù pi cui caminu
pi la me casa chi è vacanti
pi la genti, chi nun cuntu nenti
pi l'amicu putenti
pi sa figghiu
pi sta fami ri virità.

Sono vecchio
e non posso più cambiare.
Mi tremano le gambe
la voce non esce
sono preso dai malanni.
Mi devo rassegnare, mi devo stare zitto
devo abbassare la testa come il cornuto (animale, bue)
con la coda tra le gambe
devo camminare.... camminare....
Ma voi che siete giovani
non prendete da me
non vi rassegnate
non insegnatevi ad abbassare la testa
non dite sempre di si
tenetela dritta la schiena
meglio mangiare pane e zucca
che far andare a male la "roba" e la dignità nella piazza.
Non vi fidate degli amici "buoni"
quelli che vengono alle ore che convengono a loro
gli amici sono "buoni" se sono sempre appresso a voi.
La mia testa è confusa
non so più perchè cosa cammino
per la mia casa che è vuota
per la gente, per cui non conto niente
per l'amico potente
per suo figlio
per questa fame di verità.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

non ti buttare giu' i vecchi sono come la memoria di un computer,alcune societa' sfruttano queste esperienze passandole hai giovani ciao e buona domenica

il 20/01/2013 alle 12:23

Ottimo insegnamento anche se, purtroppo, non sembra ascoltato dai più! Coraggiosa. Bravo. Antonella

il 21/06/2013 alle 23:41