Pubblicata il 31/05/2012
sono stato trattenuto dagli insetti
che dimorano gli assìti; malfìdi
soggetti, ai quali non affiderei
la giurisdizione di un contàdo.

Bévero operoso erigo terrapieni
a preservare dai marosi ombelico
e pergamena; la schiena pettino e
scardasso dal passato noderoso;

nel crepolare della sera, dentro
alluvioni, in scintilli di specchi.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

chiedo scusa, nell'ultimo verso leggasi "scintillii", con due "i".

il 31/05/2012 alle 23:37

....Caro anakin, molto interessante....

però :

" ....meriggiare pallido e assorto....."


Scintillanti saluti,

romeo.

il 01/06/2012 alle 09:34

temo non sia stata colta appieno la "goliardia" insita nel titolo, ahimé! Eppur mi parea palese.
Ah! Non dar mai niente per scontato...

il 01/06/2012 alle 17:33

quanto piu' lontano da me..eppur mi piace questa parola distorta che richiama l' altra con grande musicalità e suggestione...infatti mi piace Pasquale Panella, l 'ultimo paroliere di Battisti, e molti dicono che Battisti è morto quando ha perso Mogol, non è vero....un grande saluto Anakin, ma perchè sparisci per tanto tempo?

il 03/06/2012 alle 12:04

se è per questo è lontana anche da me, o almeno, da come usualmente mi esprimo e, per fortuna, parlo e mangio in tutt'altra maniera!
Sir Arthur...è stato un piacere.

il 03/06/2012 alle 23:01