PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 23/05/2012
Il cane di Picasso
è il Cerbero con la voce rauca
che sullo sfondo giallo
somiglia a tre dita,
l'una conficcata nel giardino dell'altra


e tentenna stanco
su una poltrona d'altri vecchi
e d'altri tempi,
simbolo della maledizione di chi non può impiccarsi
ma osservare ogni situazione da diversi punti di vista


Cerbero ha smagliature sul naso
ricucite a mala pena da Dora Maar
e s'impiglia nel suo stesso sesso
alla ricerca di varianti alla deriva di sogni


che sono la fine per molti
e solo un inizio per morire


così leggero e assopito dentro casa
narciso e presbite davanti allo specchio
s'inarca scemo finché anche tra i denti
svariate volte moltiplica la sua immagine.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

molto surreale, sembra appunto un Picasso, ma propenderei anche per Dalì, traslato in pittura.
Brava!
L.

il 23/05/2012 alle 13:49

lo hai dipinto molto bene...in versi..
ninetta

il 23/05/2012 alle 15:00

grazie, mi piace un sacco anche dalì :-)
C.

il 23/05/2012 alle 16:25

grazie ninetta!
C.

il 23/05/2012 alle 16:26

Un dipinto che rende molto l'idea,
mi piace il narciso presbide davanti allo specchio,
stupendamente bella, complimenti Climax.
Dolce serata.
Marygiò

il 23/05/2012 alle 21:20

grazie marygiò!
felice dell'apprezzamento!
:-)

il 25/05/2012 alle 17:47