Pubblicata il 25/10/2002
Voglio andarmene

Dove nasce il vento
Restare solo
Nell'aere quieta d'una tepida stagione
E rimurginare i miei tanti affanni
Per cercare di risolvere
Il dramma mio
Della mia vita
E così
Nella solitaria pace
D'un immoto soffio
Nell'assenza totale
D'ogni tenue rumore
Vicino a un mare senza più risacca
Voglio masticare preci
Per me
Per questa mia anima già stanca
D'una terrena, infangata esistenza

Dove l'aria infonde lo spirito
Dove il Sole picchierà forte sul mio corpo
Dove come unica veste avrò la polvere
Proprio lì
Io pregherò.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

....lì mi vestirò di respiri
ascolterò
i battiti del vento
muta preghiera
intonerò
che il cor
allevi...

lirica sofferta ed ispirata
molto bella nemo...
un bacio a te...cri

il 25/10/2002 alle 11:08

Abbiamo tutti voglia di scappare in questo periodo...
ma non servirebbe...portiamo sempre con noi i nostri pensieri, i nostri problemi...ci inseguono come ombre...e mai si staccano da noi, tranne forse nell'ora del reale tramonto...anche se nemmeno questa è una certezza...
Ciao...Mary*

il 25/10/2002 alle 11:14

Una vecchia poesia: di 28 anni fa, modificata in minima parte. L'altra che esce oggi è di stamattina.
Un inizio, una fine.....
Un inno alla solitudine.
Grazie
N.

il 25/10/2002 alle 12:25

E io cerco un posto, un..........sito dove potermi ritrovare con me stesso.
Lì, forse, mi ricongiungerò al mando delle cause.
Grazie.
N.

il 25/10/2002 alle 12:29

E io cerco un posto, un..........sito dove potermi ritrovare con me stesso.
Lì, forse, mi ricongiungerò al mondo delle cause.
Grazie.
N.

il 25/10/2002 alle 12:29

E io cerco un posto, un..........sito dove potermi ritrovare con me stesso.
Lì, forse, mi ricongiungerò al mondo delle cause.
Grazie.
N.

il 25/10/2002 alle 12:29

...molto bella amico mio...forse perchè scritta col sangue della solitudine...della tristezza...della disperazione...
...mi lasci senza parole...rimangono le preghiere
...un bacio...simy

il 26/10/2002 alle 03:10

Grazie, Ale, mi fa davvero piacere leggerti.
In verità è una vecchia poesia (di 28 anni fa) un po' modificata.
L'altra ("Forse") nel sito sempre ieri, 25 ottobre, è più significativa del mio stato d'animo.
La solitudine porta a riflkessioni e considerazioni differenti anche in metmpi ristretti perchè è a nudo la tua anima.
E arriva un momento nel quale davvero non ce la fai più.
E aspiri a mutamenti definitivi, a viaggi lontani e senza ritorno.
Lì, appunto.
Forse.....
Grazie
E.

il 26/10/2002 alle 12:45

E ti sembra poco?
Sono un nutrimento per l'anima.
Ecco perchè poi il corpo se ne vuole andare......
Forse...........
Grazie
N.

il 26/10/2002 alle 12:46