Pubblicata il 27/04/2012
Venuti sulla terra per godere
in punta di piedi dovevamo camminare per non guastare
e poi lasciare agli altri stesso godere
ma c’era spazio e tanto e pochissimi animali a calpestarlo.
Tutto si evolveva, tutti si adattavano e tranquilli se ne stavano
ciascuno la sua parte di cibo e giochi.
Quando qualcuno alzò la cresta fu un disastro,
quando alla forza subentrò l’astuzia fu politica.
E un eremita da sempre muto parlò con calma austera.

“La terra si tinge di strani colori,
i mari di nero, i cieli più oscuri,
e non è autunno , non è primavera,
nemmeno un vestito da sera.
Fra i rami contorti da piogge di morte
svolazza sicura una nuova bandiera:
residui immortali che il vento trasporta
col fumo al cianuro delle ciminiere.
Pianeta una volta di seta,
ridotto a un ammasso di creta;
pianeta una volta incantato
ed oggi così avvelenato...disperato.
Il giorno è sconvolto da sordi rumori,
la notte è squarciata da cupi bagliori;
diventa impossibile il nostro domani;
si chiudono a pugno le mani!
Dai campi di cenere non nasce più un fiore;
han fatto di plastica persino il tuo cuore
che resta insensibile ad ogni richiamo:
calati nel fondo del pozzo noi siamo.
Pianeta una volta di seta,
ridotto a un ammasso di creta;
pianeta una volta fatato
ed ora cosi disastrato...saccheggiato.

E voi, soltanto voi,
ragazzi del dopo duemila,
voi, soltanto voi,
avrete il senno di poi.

ilricordoperseguitarcontinuanms26aprile2012"
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

il discorso dell'eremita....dovrebbe essere trasmesso a reti unificate al posto delle ipocrite tribune elettorali che i nostri furbi e indecenti politici tutti ci propinano ogni giorno per tutto l'anno, ogni anno.......e l'ultima strofa affissa a caratteri cubitali in tutte le scuole, di ogni ordine e grado, a cominciare dagli asili...
bellissima! lascia aperta la porta alla speranza quell'accorato appello alle nuove generazioni, che dovremo istruire, educare in vista di un futuro migliore.
abbraccio edificante
eos

il 27/04/2012 alle 10:40

chissà se il senno di poi sarà il senno del " mai"....l'uomo ha avuto molto tempo per conoscersi e imparare ma sembra che sia sempre troppo distratto dall'ego per veramente capire

il 27/04/2012 alle 10:52

è il pensiero che ho di te che mi spinge ad andare avanti
grazie tesoro mio
abbraccio dorato
ninomario

il 27/04/2012 alle 11:22

nonostante tutto bisogna dare fiducia al nuovo che avanza
saluto affettuoso
ninomario

il 27/04/2012 alle 11:24

la forza che diventa astuzia, e poi politica è una grande verità...e per l'astuzia i regimi democratici sono maestri, oligarchie mascherate quando il tempo è buono, dittature provvisorie quando piove...
per quanto riguarda la terra ridotta a creta, il nostro cuore di pastica concordo...ma ho grande fiducia nella terra stessa, forse tutto questo lo ha già visto, forse chissà, ha visto anche di peggio, l'uomo si crede onnipotente ma non lo è affatto...
buon primo maggio nino

il 30/04/2012 alle 16:57