Pubblicata il 27/04/2012
U Prime de Magge nda òggnè zzinne
d’u nustre bbèlle Pajése, ke kurtéje
ke ngape bbann’è bbannire de tutte
i partite, u jurne se festjave
d’a fatike è dd’i fatekature.
Ògge, Prime de Magge dujemilèddudece,
cchjù ka ‘na fèste d’a fatike, éje
kuèlle d’a sukkupazzjòne, ciuvè
d’i fatekature sènza fatike.
Kuiste pekkè ‘a kurruzzjòne ka stà
da nu sakke de timbe pe gùuèrne
k’a akkue de rós’a ‘nnanze jèvene
è ppulitece ka da sèmbe penzate
hanne ssckitte pe llóre, l’Italje
tuttakuande mbume hanne mannate.
È kkuiste pure pekkòlpa nòstre
pekkè skurdate avime k’a kósa
pubbleke tuttekuandenuje sime
è ll’avarrèmme avuta kurà
perzunalmènde, ke tutt’i mizze.
Mméce krjate avime mbuliteke
d’i prufessjuniste ka anzekkè
sèrv’i cettadine, de lóre se sò
servute è mmò u gùuèrne Mònde
de regure ‘knumeke predekéje,
i state d’alme nustre mesuréje
nda mòmmabbìje, tasse mbunènne.
Mméce u regure ghèsse avarrìje
kòndre i pulitece kurrutte
p’i meljarde sperperat’arrekuprà
è ppóste de fatike krejà.
Mò óre éje de dì avaste
ò’ ddìje denare, avaste è sòlde
è partite date pe bbune fà
u mestire lóre. ‘A fatike sìje
ò cèndre d’i sscèlte puliteke
pe ddeggnetà è cettadin’arredà.
Ssckitte a ‘kkussì s’arreturnarrà
u Prime de Magge ‘a fatik’a festjà.


Il Primo Maggio in ogni angolo
del nostro bel Paese, con cortei
con in testa banda e bandiere di tutti
i partiti, il giorno si festeggiava
del lavoro e dei lavoratori.
Oggi, Primo Maggio 2012,
più che una festa del lavoro, è
quella della disoccupazione, cioè
dei lavoratori senza lavoro.
Questo perché la corruzione che regna
da molti anni per governi
che andavano avanti all’acqua di rose
e politici che da sempre pensato
hanno solo per loro, l’Italia
tutta in fumo hanno mandato.
E ciò anche per colpa nostra
perché abbiamo dimenticato che la cosa
pubblica tutti noi siamo
e l’avremmo dovuta curare
personalmente, con ogni mezzo.
Invece abbiamo creato in politica
dei professionisti che anziché
servire i cittadini, si sono di loro
serviti e oggi il governo Monti
predica rigore economico,
misura i nostri stati d’animo
in euro, imponendo tasse.
Invece dovrebbe essere il rigore
contro i politici corrotti
per i miliardi sperperati recuperare
e posti di lavoro creare.
Adesso è ora di dire basta
al dio danaro, basta ai soldi
ai partiti dati per fare bene
il loro mestiere. Sia il lavoro
al centro delle scelte politiche
per ridare dignità ai cittadini.
Solo così si ritornerà
a festeggiare il lavoro il Primo Maggio.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)