Pubblicata il 20/04/2012
La fu una notte proprio triste ed agra
quella di quando 'e mi trovai a letto
co' una lei, e avevo preso i' viagra,
ma n'un mi fece proprio arcun effetto.

Dopo ave' fatto una figura magra
mi dissi: "E son io che ci ho un difetto
oppure la pasticca la defragra
che bisogna aspettalla anch'un mesetto?"

So' già tre mesi che l'ho presa e ancora
l'effetto che dee fa' n'un viene fora
e mi domando co' un po' di tenzione

quando la mi farà defragrazione.
Sta a vede', e può darsi, ci scommetto
fa effetto ora... e son solo soletto!

Nota: E' un sonetto classico
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Sonetto a differenza del viagra come qui descritto in questo bel vernacolo tosco e armonioso di grande potenza.

Il finale è tutto un "poema"!

Bravo e salutoni rusticus

il 20/04/2012 alle 08:56