Pubblicata il 10/12/2011
A ‘nnand’ò spècchje
Nu jurne, pe ‘nnand’ò spècchje jènne,
fremmate me sònghe a uardà i ucchje
mìje è mme sònghe rennute kunde
ka nenn’èvene i mìje, ma èvene
de ‘n’ata perzòne devèrze ka finde
facéve d’èsse ‘na perzòne a kkuje
òggnèkkóse bbune jéve. A rrefrètte
akkumenzaje sóp’a kkuille k’éve
state è kkuille k a mò éve è kkunde
rennute me sònghe ka dind’u kambà
kaòteke kutedjane smettut’éve
de uardà dinde de mè. Avezate
tenéve l’ucchje ò’ cile speranne
nda nu merakule vére è, mméce,
tutt’a ‘tturn’a mmè sèmbe cchjù nireve
éve. Da nu kuart’a n’avete jéve
kum’a nu drugate ngèrke de kuille
ka dinde de mè stéve. Dinde de mè
me sònghe arretuffat’a llà a ndò
ninde maje móre, è u ammóre
vèrz’u tutte agghje arretruvate
nda kuillu lacirte kóre numate.


Davanti allo specchio
Un giorno, passando davanti allo specchio,
mi sono fermato a guardare gli occhi
miei e mi sono reso conto
che non erano i miei, ma erano
di una persona diversa che finta
faceva di essere una persona a cui
tutto andava bene. A riflettere
cominciai su ciò che ero
stato e ciò che ero adesso e conto
mi sono reso che nel vivere
caotico quotidiano avevo smesso
di guardare dentro di me. Alzati
al cielo gli occhi avevo sperando
in un miracolo vero e, invece,
tutto a me d’intorno sempre più nero
diventava. Andavo vagando
come un drogato in cerca di ciò
che dentro di me stava. In me
mi sono rituffato là dove
nulla mai muore, e l’amore
verso il tutto ho ritrovato
in quel lacerto chiamato cuore.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)