Pubblicata il 26/11/2011
Mi è guida l’olfatto
nel buio notturno,
là dove non possono
gli occhi:
ogni oggetto odora
di segni lasciati
e fantasmi del cuore
carezzano le stanze.
Infallibile m’aggiro
e ad ogni conferma
di cose supposte
cresce l’assenza di te.
Un’essenza di cannella
e di legno di cedro
mi fa infine coricare
accanto a te.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Riesci a dormire con tutto quel profumo che ti ha lasciato?credo proprio che ti manca.
Piaciutissima:Eclisse.


il 26/11/2011 alle 15:54

è stato doloroso leggere la tua poesia,bellissima,mi soffoca il cuore...bellissimo sia il titolo che la poesia.....grazie per l'emozione.....carmen.

il 27/11/2011 alle 13:43