Pubblicata il 14/07/2011
Distesa sull’erba degli inganni
non riesce a capire se le ombre
stiano correndo verso il cielo
per richiamare l’attenzione di chi
dovrebbe proteggere l’innocenza.

Le si riempiono di tenebre gli occhi
eppure il rosso ancora sgorga copioso
dalle feritoie di un bianco castello
sgretolato per soffocare i sogni.
Non lontano una bimba singhiozzando…

…mormora l’altro nome dell’Eternità.

SGRIZZLY 2011
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

.commovente e ben scritta

il 14/07/2011 alle 10:36

grazie anche in memoria di Melania
Un grrrrande abbraccio
CesarOrso

il 14/07/2011 alle 18:41