Pubblicata il 04/07/2011
Un gioco mi tiene sospesa
tra il sonno e la veglia.
Voglio trattenermi
in quello spazio rarefatto
dove la coscienza
non è uscita dalla notte,
per non privarmi
del mio folletto impertinente,
per non svegliare
la razionalità assopita.
In un limbo di morbida penombra
si scioglie libera
la sensuale danza dei pensieri
a sfidare il giorno
che si attarda accoccolato
sotto la sua coperta di torpore.
Senza freni inibitori
avverto indefinibili sensazioni:
dal profondo salgono
fremiti inespressi
e voluttà d’amore…
si materializzano desideri inconfessati
e paure sconosciute.
Non è realtà, non è finzione,
è un teatro d’ombre
che si fanno e disfanno
dietro la tenda illuminata
dal primo raggio di sole.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

La tua poesia mi ha incantato. Sai scegliere molto bene le parole, farne un gioco di incastri, una melodia con ritmi e contemporaneamente comunicare sensazioni. Scusa ma io non so commentare a dovere. Non so esprimermi nel modo giusto. Comunque volevo farti sapere che davvero per me è un incanto.
Con affetto
fabio

il 04/07/2011 alle 22:54

Tra la veglia e il sonno, ancora ti trovi nel limbo e si svegliano sensuali pensieri e ti lasci andare a fremiti voluttuosi e desideri inconfessabili....sono sensazioni indefinibili che capitano e tu sei stata bravissima ad esprimerle, come io non sono stata brava a commentarti,
ma ho gradito molto leggerti ed ho apprezzato i tuoi versi.
Sei sempre bravissima e la tua poesia mi è piaciuta molto.
Un abbraccio,
Helan

il 04/07/2011 alle 23:11

Ti ringrazio fabio
Per me ti esprimi molto bene e soprattutto, prima ancora che nelle parole, sei un poeta nel cuore.
Moirym

il 04/07/2011 alle 23:55

Helan sei sempre gentile e molto generosa nei commenti, è sempre un piacere ascoltarti.
Moirym

il 05/07/2011 alle 00:00

che belle le "traveggole" dell'alba! un momento di sospensione che non è più sonno e non è ancora risveglio...si ha quasi la sensazione di essere registi dei propri sogni (nel senso di attività onirica) e di decidere di vivere i sogni più folli come in un film di cui si è anche protagonisti...mi è capitato qualche volta però nel momento clou...non so perchè accade sempre qualcosa che mi fa svegliare del tutto e la "sentinella" mi riporta all'"ordine".
Le tue "traveggole" mi sono piaciute tantissimo e spero che le mie albe ne abbiano di più frequenti e durature :-)
baci
eos

il 05/07/2011 alle 09:08

Per fortuna c’è la poesia per esprimere ciò che altrimenti sarebbe inesprimibile e c’è PH per confrontarsi e specchiarsi nei desideri e nei sogni degli altri.
È sempre molto gradito il passaggio di un’abile “penna” come la tua che sa dare un “tocco” speciale ad ogni commento.
Moirym

il 05/07/2011 alle 09:48

le ultime cinque righe sono poesia...un saluto Moyrim

il 05/07/2011 alle 22:05

Ricambio il saluto e grazie del passaggio
Moirym

il 06/07/2011 alle 00:12

una sensualità dolce e sempre più invadente prende corpo nella sequenza ipnotica delle tue immagini, diventando sempre più corporea e addensando l'anima nell'aspettativa della carne, a concentrare luce ed ombra nel ventre dei tuoi versi.
Molto bella, coinvolgente!
Un abbraccio!
Ax

il 08/07/2011 alle 21:38

Una sintesi perfetta nel tuo inconfondibile stile: denso, vibrante, potente e libero.
Con simpatia
Moirym

il 08/07/2011 alle 22:51

Poesia densa di emozioni e senzazioni,
meriteresti un commento alla Moirym
ma nessuno riesce ad eguagliarti nei commenti che fai con dedizione è un piacere leggerti riempi l'anima di un saporito e attento affetto.
Complimenti.
Marygiò

il 09/07/2011 alle 12:48

Grazie carissima Marygiò
Un grade bacio e un forte abbraccio

il 12/07/2011 alle 00:02

Le voglie inconfessate che son di noi l'essenza...spesso non sappiamo o non vogliamo confidarle ai nostri amati, condannandoci cosi a mille anni di solitudine. Molto, molto bella.

il 14/07/2011 alle 22:40

Una sensuale danza di pensieri,
tra sogno e realtà,
dietro la tenda illuminata
dal primo raggio di sole.
Molto gradita.
Dora

il 28/07/2011 alle 09:25