Pubblicata il 03/09/2001
Immagini, mute origini,
un sole versato all’indietro a cercare
un nome, una passione, l’amore,
del buon cammino l’esatta intuizione,
forse inesistente, eppure inseguito, ogni istante.
Le mani a guarire gli occhi
dalle schegge buie della paura,
come consapevoli di un’altra dimensione,
tanto invisibile, quanto palpabile.
Di una rivelazione ho ricucito la speranza,
a tratti fuoriuscita, da un cuore sfiorato
da affilati perché.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)