Pubblicata il 24/03/2011
Vagabondando
Tra ulivi, mandorli e peschi in fiore,
Provinciali sperdute
Ricche di contrade dai nomi
Balordi e strani
Che racchiudono memorie
Perse
Di giorni mai vissuti
Illuminate da un Sole calante
Limpido e sereno,
Lastricate di profumi collinari
Muretti a secco e ville
D’antico splendore,
Rondò idioti e inutili,
Lentamente,
Ho assaporato
Ricordi.
Di esistenze e gioie
Torti e ingiustizie sanguinarie.
In quel breve tratto
Di vita
Ho semplicemente auspicato
Il mio ritorno a una pace
Che si conquista
Non vivendo.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

intanto, un gran bel vagabondare, che qui , non è dato..

il 24/03/2011 alle 17:29

un anelito ad una vita migliore...

il 24/03/2011 alle 17:53

Si vagabonda qua e si riposa là...

il 26/03/2011 alle 11:10

Si vagabonda qua e si riposa là...

il 26/03/2011 alle 11:10

No. Diversa solo per la pace. Non credo all'al di là... Ma ad un al di qua, diver

il 26/03/2011 alle 11:11

La più duratura si conquista senza combattere ma con la ragione bdei sentimenti... molto bella, complimenti ☺️

il 21/10/2018 alle 11:44