Pubblicata il 30/09/2002
.

(Sognavo...)

Nel vento cavalca
informe l'ombra nera
del Re degli Ontani,

(di essermi perso)

Si flettono paurosi
I rami degli alberi
al suo passaggio,

(in un bosco)

La Luna crea fugace
la sua corte di ombre
che inseguono Morte.

(di sole ombre)

Gli zoccoli tuonano
al cielo nascosto
ov'è fuggita la luce.

(sto cercando)

Nel mantello nero
forme di demoni
dagli occhi di brace

(il risveglio nel Sole)

stringono nelle spire
immonde e fatali
l'amata speranza
della mia anima.

(.... invano...)

  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Vedo che hai riproposto l' "esperimento".
Bella anche questa, e profondamente diversa.
Prima di tutto, rispetto a quella della "farfalla" le parentesi non sembrano più stacchi, fermo-immagine.
Qua sono continue, procedono parallelamente e completano il senso della parte più discorsiva e ancora più visiva della poesia stessa.
Concentrano, inoltre, più sull'essenza individuale la sfumatura più generale del resto.
Veniamo poi alla poesia : le immagini belle, così pure il "paesaggio" scelto. Rendono bene la tua ricerca continua, il filo di luce ininterrotto delle tue poesie, sul parallelo luce-ombra, infinito del Sole e chiusure lineari di spazio "lunari".
Qui forse più pittoresca, a causa della personalizzazione della mancanza d'ossigeno nei "demoni" e nel "cavaliere" ( altro tema ricorrente ).
Colpisce anche l'apertura e la chiusura, quasi in contrasto: sognavo / invano.
Un buon equilibrio, direi, tra poesia, quadro in movimento, ed espressione dell'essere.

il 30/09/2002 alle 19:08

...è stupenda axy...mi lasci con il fiato sospeso...
...ha tutti i chiaro-scuri della vita...il giorno e la notte...il sole e la luna...l'alfa e l'omega...
...di nuovo rappresenti le paure che ci angosciano di notte...ma con la speranza che l'alba porti via tutto...un bel sogno o un incubo?...desideri nascosti nei "doveri imposti"...
...non mi fermerei...avrei tante cose da dire ancora...tante sensazioni hai scaturito...ma...mi fermo...e continuo a gustarla...
...baci..simy

il 30/09/2002 alle 19:27

Eccccezzzzzzionale, Axel!
Sembra tirata fuori da un film epico con le musiche di Mozart ( Requiem -Confutatis-, Carmina Burana).
Alla guida ci vedrei un Federico II o un Cavaliere dell'Ordine Teutonico.
E il loro cavalvare, lo scalpitio degli zoccoli sembra di udirlo attraverso il video.
Poesia visiva, plastica, uditiva, evocativa. Completa.
Bravo.
Er

il 30/09/2002 alle 19:56

Eccccezzzzzzionale, Axel!
Sembra tirata fuori da un film epico con le musiche di Mozart ( Requiem -Confutatis-), Carmina Burana.
Alla guida ci vedrei un Federico II o un Cavaliere dell'Ordine Teutonico.
E il loro cavalvare, lo scalpitio degli zoccoli sembra di udirlo attraverso il video.
Poesia visiva, plastica, uditiva, evocativa. Completa.
Bravo.
Er

il 30/09/2002 alle 19:57

Affascinante pittoresca rappresentazione, sul terreno che più ti è congeniale. Impronta fortemente evocativa nella scelta lessicale che ben si armonizza con lo stagliarsi della figura regale, nel suo incedere melodrammatico. Colpisce il contrasto (non l'incoerenza) con i versi dell'inciso, molto densi, più pacati e raccolti, che leggo idealmente uniti nel finale con "l'amata speranza/della mia anima".
Mi sembra un ulteriore approdo di un percorso personale interiore piuttosto definito e che si va plasmando nella tensione della continua ricerca al metafisico, al trascendente, all'approdo celeste.
Eccellente prova di stile e di sentimento d'assoluto.
Molto bella caro Axel.
Max

il 30/09/2002 alle 20:20

Caro Blue, hai una grandissima capacità di cogliere analiticamente i vari elementi di una poesia e di crearne una sintesi molto interessante, le tue "recensioni" mi creano una vera risonanza fra il "fare" e rileggere l'eco di quanto fatto.
Grazie ancora per l'attenzione che riesci così bene ad esternare.
Un caro saluto!
Axel

il 30/09/2002 alle 20:54

Grazie Simy, ho lievemente traformato l'angoscia originale di Goethe, perché il soggetto era l'orco, l'uomo nero che rapisce i bambini, mentre io l'ho tramutato nel rapimento dell'anima da parte delle forze che la fanno gravitare al suolo, invece che lasciarla volare nel cielo...
UN bacio
Axel

il 30/09/2002 alle 20:58

Grazie Nemo! In effetti l'ascendenza Teutonica ce l'ho e reminiscenze ancestrali mi portano ad esprime un esprit cavalleresco che oggi non esiste più... I carmina burana sono indicatissimi!
Un salutone!
Axel

il 30/09/2002 alle 21:01

Devo dire che il bello di questa esperienza su Poetic è il riuscire a rileggersi attraverso gli altri, certe volte mi sembra che le vostre analisi completino in modo elevato la mia esternazione dell'anima, dando un valore aggiunto alla poesia che equivale la poesia stessa.
Grazie di cuore, e... ciao Max!
Axel

Axel

il 30/09/2002 alle 21:33

Eccellente gioco di sdoppiamento di personalita_:=)
affascinante favola che impersona la realtà!
bacio MG;)

il 30/09/2002 alle 21:49

mi sembra di stare nel bosco del sogno di una notte di mezza estate...odo i rumori...respiro i profumi...scorgo ombre che strisciano...è una magia...ecco ...e poi esplode la luce...

è bellissima axel...

un caro saluto...cri...

il 30/09/2002 alle 22:09

Grazie Mary! interpretazione interessante, la tua!
Baci
Axel

il 30/09/2002 alle 22:49

Grazie Cri, mi fa piacere che senta anche tu la magia e la luce che prende il sopravvento...
Baci
Axel

il 30/09/2002 alle 22:53

Grazie Sera, felice di sentirti anche qui, mi fa piacere che ti sia piaciuta, seppur sia triste al limite della tragedia.
Un abbraccio
Axel

il 01/10/2002 alle 09:03