PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Pubblicata il 02/12/2010
Sarà forse l'autunno mio inoltrato
a consolare la tua primavera
che aprendosi s'inoltra in un'estate
di trionfo d'amore e di poesia.

Rosa rossa tu sei ch'è già sbocciata
e spande i suoi colori in tutta l'aria
ma la stagione mia non tramontata
si perde insieme a te nell'infinito.

Là nell'eternità non c'è lo spazio
per distanze di anni e pur di ere,
l'eternità annulla le distanze...
là non ci sono autunni o primavere.

E tu sarai con me per questi spazio
che non concede nulla al contingente,
non v'è del provvisorio alcuno spazio...
mi hai capito...sei troppo intelligente...
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

molto musicale.la differenza d'età non conta purchè non si troppa.

il 02/12/2010 alle 19:33

Perfetta!

il 03/12/2010 alle 00:12

Vero...l' eternita' annulla le distanze'. Bella ed intelligente poesia. Complimenti e saluti

il 04/12/2010 alle 01:03