Pubblicata il 16/11/2010
Sull'agenda del caos
nidi vuoti di rondini
tremano silenzi invernali
risuonano strozzati
giù da declivi calvi
ma i mille volti del futuro
emergono dal pantano
e odorano di funghi
il tutto si ripete
e schiude ali di libellula
a planare
sul tramonto della civiltà.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Bella...rigonfia di odori..Caos...tramonto della civiltà...pare di essere quella libellula.

Voce

il 16/11/2010 alle 12:21
Jul

Declini inevitabili descritti con invidiabile sicurezza di pensiero e componimento...
Buona serata,
Jul

il 16/11/2010 alle 18:15

Grazie, specialmente per averla trovata gonfia di odori, la poesia coinvolge tutti i sensi.

il 17/11/2010 alle 11:06

Grazie cara, io e te suoniamo le stesse corde.

il 17/11/2010 alle 11:07

Il tramonto di una civiltà ,prelude all' alba sul nuovo
così come il bozzolo può divenire farfalla o sarcofago.

smack
liz

il 24/11/2010 alle 16:19

Farfalla o sarcofago e il confine è sottile, suggestiva riflessione.

il 24/11/2010 alle 17:16